martedì 17 maggio 2016

India, sciopero totale indetto dal PC (maoista) nella giornata di ieri

Traduzione dell'articolo dello sciopero indetto dal Partito Comunista (Maoista) indiano pubblicato in lingua inglese dal quotidiano indiano The Hindu.

Il comitato di divisione orientale del PC (Maoista) indiano ha indetto uno sciopero totale per la giornata di ieri 16 maggio per protestare contro quello che definisce l’"assassinio" di uno dei suoi principali leader e segretario del comitato di zona di Galikonda, Azad e di altri membri del comitato - Anand e Kamala - nella zona della foresta Marripakala vicino Palasamudram distretto di Koyyuru, il 4 maggio. Il comitato, in un comunicato stampa spedito ai giornalisti nella zona del Dipartimento, ha affermato che i Greyhounds, su informazioni fornite alla Branca Speciale dell’intelligence da elementi "anti-popolari", hanno circondato i componenti del partito e li hanno uccisi.Il partito ha inoltre affermato che i governi di Narendra Modi e Chandrababu Naidu hanno intensificato la fase tre dell’“Operazione Green Hunt” subito dopo l’arrivo al potere, al fine di consegnare le preziose ricchezze minerarie alle multinazionali. «I governi non vogliono che il partito maoista sopravviva dal momento che sta guidando i Girijans nella loro lotta per proteggere le ricchezze della foresta», dice il comunicato stampa.Il governo guidato dal TDP (Telugu Desam Party) ha intensificato le operazioni di rastrellamento della polizia nella zona per affossare l'agitazione dei Girijans contro l'estrazione di bauxite e l’accaparramento delle piantagioni di caffè. Due Girijans sono stati uccisi il 23 febbraio a Puttakota  e 24 giovani marcati come simpatizzanti maoisti. I due incidenti hanno negativamente influenzato 12 famiglie della zona Jerrela, che hanno dovuto lasciare il villaggio perché non in grado di sopportare le molestie della polizia, dice la nota stampa. Il sostegno del partito ai Girijans continuerà fino a che non saranno state soddisfatte le loro richieste, conclude il comunicato.

Nessun commento:

Posta un commento