Il Partito Comunista Iracheno «piange tre compagni uccisi nel vile attentato terroristico verificatosi a Baghdad»

Il simbolo del Partito Comunista Iracheno
«L’ufficio politico del Partito comunista iracheno piange i suoi iscritti e militanti che sono stati uccisi durante il vile attacco terroristico avvenuto nel distretto di Karradah  (Baghdad), intorno alla mezzanotte di Sabato 2 Luglio. Tra le vittime, i compagni Adel Qais al-Jaf, Hameed Majid Rashid e Faysal Mohammed Salman». Il Partito ha affermato che gli assassini criminali hanno intenzionalmente compiuto questo attacco terroristico, il cui risultato è stato uccidere decine di persone mentre esse si apprestavano a celebrare l’Eid che segna la fine del Ramadan, «al fine di uccidere qualsiasi opportunità di felicità nel nostro Paese, l’Iraq, così duramente colpito dal terrorismo, dalla corruzione e dai fallimenti». «Mentre condanniamo con forza questo vile atto - ha concluso la nota del partito -, trasmettiamo le nostre più sentite condoglianze alle famiglie dei martiri e auguriamo ai feriti una pronta guarigione. La nostra gente deve trionfare nella lotta contro Daesh e tutti i terroristi».

Commenti