lunedì 22 agosto 2016

Fascismo in Ucraina: Jamala, vincitrice dell'Eurovision, canta in un festival neonazista


Il manifesto che riporta la
partecipazione di Jamala al Banderstadt
Il suo nome completo è Susana Jamaladinova, nota ai più come Jamala: è stata la vincitrice dell’edizione dell’Eurovision di quest’anno. Secondo la notizia riportata da più parti e diffusa anche dai canali internazionali di Russia Today, Jamala ha partecipato ad un festival chiamato ‘Banderstadt’, svoltosi a Lutsk in Ucraina e organizzato da una formazione giovanile neonazista.
Il ‘festival’, svoltosi dal 5 al 7 agosto, onora il criminale di guerra nazista e collaborazionista ucraino Stepan Bandera.

Jamala aveva trionfato all’Eurovision 2016 con una canzone anch’essa molto controversa, animata da intenti politici e, sicuramente, anti-comunista, dal titolo “1944” e che ha avuto come tema principale la deportazione de Tartari di Crimea.
Naturalmente, la canzone conteneva già di per sé una distorsione storica: i Tartari furono deportati perché collaboratori dei nazisti.  


Nessun commento:

Posta un commento