L’unica alternativa di fronte agli enormi pericoli e alle sfide che abbiamo davanti è l’unità, con la solidarietà

Discorso pronunciato dal Generale d’Esercito Raúl Castro Ruz, PrimoSegretario del Comitato Centrale del Partito Comunista di Cuba e Presidente dei Consigli di Stato e dei Ministri, nel XVII Vertice del Movimento dei Paesi Non Allineati, nell’Isola di Margarita, Venezuela, il 17 settembre del 2016, “58º Anno della Rivoluzione”.







Stimato compagno Nicolás Maduro Moros, Presidente della Repubblica

Bolivariana del Venezuela;

Capi di Stato e di Governo;

Stimati Ministri, delegati e invitati;

Signore e Signori:

Siamo 120 Stati Non Allineati e contiamo oltre che sui Principi di Bandung, con la Dichiarazione dei Propositi, Principi e Ruolo del  Movimento dei Paesi Non Allineati nella Congiuntura Internazionale attuale, approvata nel XIV Vertice a L’Avana. Non si può sottovalutare la nostra enorme forza quando attuiamo uniti. 
Nello stesso Vertice del 2006 abbiamo respinto i tentativi di “cambio di regime”, ed abbiamo chiamato a garantire che ogni paese rifiuti di ricorrere all’ aggressione e all’uso della forza.   
Sempre a L’Avana, nel gennaio del 2014 i Capi di Stato e di Governo della comunità degli Stati Latinoamericani e dei Caraibi - CELAC - con la firma del Proclama dell’America Latina e dei Caraibi come “Zona di Pace”, abbiamo riaffermato l’impegno con i principi della Carta delle Nazioni Unite e del Diritto Internazionale; con la soluzione delle differenze  in forma pacifica  e nel pieno rispetto al diritto inalienabile di ogni Stato d’eleggere il suo sistema politico, economico, sociale e culturale, come condizione essenziale per assicurare la convivenza tra le nazioni. 
Senza dubbio siamo testimoni dei crescenti attacchi alla sovranità e all’autodeterminazione del Venezuela. Cuba riafferma il suo sostegno senza condizioni al Governo e al popolo venezuelani, all’Unione Civico Militare e al 
presidente costituzionale Nicolás Maduro Moros (Applausi).
Condanniamo con energia il colpo di Stato parlamentare - giudiziario in Brasile contro la presidente Dilma Rousseff, che costituisce un’azione d’aggressione alla volontà sovrana del popolo che l’ha eletta con più di 53 milioni di voti. 
La fraterna Colombia avrà tutto l’appoggio di Cuba per avanzare nel difficile cammino dell’implementazione dell’accordo e nel consolidamento della Pace, giusta e duratura, che il suo popolo merita. 
Esprimiamo la nostra fiducia nel fatto che il popolo della Repubblica Araba della Sira sarà capace di risolvere le sue differenze da solo, senza ingerenze esterne indirizzate a promuovere un cambio di regime. 

Compagno  Presidente:

È inaccettabile  che ancora oggi il popolo della Palestina continui a essere vittima dell’occupazione e della violenza e che la potenza occupante continui ad impedire la creazione di uno Stato Palestinese indipendente, con Gerusalemme orientale come sua capitale.   
Tutti i tentativi di garantire l’autodeterminazione del sofferto popolo sarahaui sono stati frustrati e questo richiede l’azione della comunità internazionale. 
Noi siamo solidali con la storica domanda del popolo di Puerto Rico a favore della sua autodeterminazione e indipendenza. 
Sosteniamo anche il reclamo della Repubblica Argentina sulle isole Malvine, Sandwich del Sud e George del Sud.

Stimato compagno  Maduro:

Per Cuba, il non allineamento significa la lotta per modificare l’Ordine Economico  Internazionale imposto dalle grandi potenze, che ha portato a che 360 persone possiedano una ricchezza annuale superiore alle entrate del 45% della popolazione mondiale. La breccia tra i paesi ricchi e i poveri cresce. Il trasferimento delle tecnologie dal nord al sud è una mera aspirazione. 
La globalizzazione favorisce fondamentalmente  un selezionato gruppo di paesi industrializzati. 

Il debito dei paesi del sud si moltiplica e somma più di 1700 bilioni di dollari. 

Duemilanovecento milioni di persone sono senza lavoro e in miseria. 

Milioni di bambini muoiono ogni anno a causa della fame e di malattie curabili. 

Quasi 800 milioni di persone non sanno leggere né scrivere, mentre più di 1.7 milioni di dollari si dedicano alle spese militari. 
Non allineamento significa anche la lotta per eliminare la breccia della conoscenza e per l’uso delle tecnologie dell’informazione e le comunicazioni a favore dello sviluppo e la cooperazione. 
Condanniamo la crescente militarizzazione e l’uso aggressivo contro terzi paesi. 
Il cambio climatico si aggrava e persistono nei paesi sviluppati indici irrazionali di produzione e consumo che minacciano le condizioni d’esistenza della nostra specie. 
La realizzazione dei diritti umani continua ad essere un sogno per milioni di persone in tutto il mondo. 
Gli Stati Uniti e l’Europa utilizzano la manipolazione, la doppia morale, la selettività e la politicizzazione, mentre ondate di rifugiati si ammassano alle frontiere europee senza che si trovino soluzioni giuste, stabili e permanenti che proteggano la loro vita e la loro dignità. 

Stimato presidente Maduro:

Sono passati 21 mesi da quando abbiamo annunciato simultaneamente con il 
presidente Barack Obama, la decisione di ristabilire le relazioni diplomatiche tra Cuba e gli Stati Uniti. Ci sono stati alcuni passi avanti soprattutto in ambito diplomatico e della cooperazione in temi d’interesse reciproco, ma non è stato così nella sfera economico-commerciale, per via della portata limitata, anche se positiva, delle misure adottate sino ad ora dal governo statunitense. 

Cuba continuerà a reclamare l’eliminazione del blocco economico, commerciale e finanziario che provoca molti danni e privazioni e che danneggia anche molti altri paesi per la sua portata extraterritoriale.  
Continueremo a domandare che si restituisca alla nostra sovranità il territorio illegalmente occupato dalla Base Navale degli Stati Uniti in Guantánamo.
Senza questo non ci potranno essere relazioni normali, e sarà anche impossibile se non si porrà fine alle altre politiche sempre vigenti, che ledono la sovranità di Cuba, come i programmi sovversivi e ingerenti. 
Ratifichiamo la volontà di sostenere relazioni di convivenza civile con gli Stati Uniti, ma Cuba non rinuncerà ad uno solo dei suoi principi, né realizzerà concessioni inerenti alla sua sovranità e indipendenza. 
Non cederà mai alla difesa dei suoi ideali rivoluzionari e antimperialisti, né  all’appoggio dell’auto determinazione dei popoli. 
Compagno  Maduro:
auguriamo tutto il successo alla fraterna  Repubblica Bolivariana del Venezuela alla guida dei Paesi Non allineati e ci complimentiamo con la  Repubblica Islamica dell’Iran per  il suo lavoro nel mandato appena terminato. 
L’unica alternativa di fronte agli enormi pericoli e alle sfide che abbiamo davanti è l’unità con la solidarietà, in difesa dei nostri obiettivi e interessi comuni.   


Molte grazie

Commenti