domenica 25 dicembre 2016

Il grande inganno del Referendum Costituzionale ha funzionato - il comunicato di Sardigna Natzione

AGENZIA SARDA DELLE ENTRATINE - BEFFA DEL GOVERNO AMICO, CHE IMPUGNA LA LEGGE IN BASE ALL’ART. 117 DELLA COSTITUZIONE AMICA 

Sulla base dell’articolo 117 della costituzione amica, che il 72% dei sardi ha ratificato con il voto del 4 dicembre, il governo amico ha impugnato e rinviato alla corte costituzionale la legge che istituisca l’Agenzia Sarda delle Entrate. Il governo ritiene che «alcune norme in materia di tributi eccedono dalle competenze statutarie ed invadono la competenza riservata alla legislazione statale» e sbarra la strada alla tanto politicamente decantata futura riscossione diretta dei propri tributi e dei tributi propri, da parte dei sardi. Un colpo di spugna a quel poco che si è tentato di aggiungere, nei pochi spazzi vuoti, nella lavagna costituzionale che sancisce a nostra sudditanza. Un segnale chiaro quello del governo, ha voluto chiarire che la vittoria sarda del NO alla riforma costituzionale non modifica il rapporto di sudditanza, non apre nessuno spazio di sovranità e tantomeno apre percorsi verso l’indipendenza. Ha voluto, il governo, ricordare che per tutelare i propri interessi e mortificare quelli dei sardi non ha bisogno di nuove Clausole di Supremazia in quanto ha già gli strumenti e la prepotenza necessaria per farlo. In tanti, tra i politici sardi tricolori e i loro collaboratori 4 mori si strapperanno un bottone facendo finta di strapparsi le vesti, per lesa sovranità. Si trasformeranno in novelli Masaniello incitando il popolo sardo alla sollevazione. 
Ci sarà il solito gioco delle parti. 
La pantomima fa parte della loro “funzione” e ha una resa politica che può tornare utile nella prossima tornata elettorale regionale e statale. 
Il Grande Inganno del Referendum costituzionale  ha funzionato, hanno chiamato i sardi al voto in difesa della sovranità e invece hanno ratificato la sudditanza. Un inganno e una beffa per i sardi, che vengono privati di una legittima competenza sulle proprie entrate tributarie proprio da un articolo della costituzione che il 4 dicembre hanno ratificato con l’intento di impedire tali beffe e tali invadenze. Sardigna Natzione Indipendentzia, non ha votato ed ha invitato i sardi a non votare il referendum inganno, per dare un vero segnale di ribellione alla sudditanza. Se quel segnale di ribellione ci fosse stato, il governo amico avrebbe capito che la fune della sudditanza era già troppo tesa e con quella impugnazione umiliante, si sarebbe potuta spezzare. Ma così non è stato, il segnale ricevuto, anche dagli ambienti indipendentisti, è stato letto come una accettazione della sudditanza autonomista. 

Sardigna 24/12/2016 annu 155° Dominatzione Italiana - Sardigna Natzione Indipendentzia.

Nessun commento:

Posta un commento