giovedì 25 gennaio 2018

YPG: «Afrin sarà il Vietnam della Turchia e di Erdogan»

Comunicato stampa del YPG del 25/1/18

Pochi giorni fa, l’esercito turco ha attraversato il confine siriano al fine di lanciare un attacco nella regione di Afrin. Il regime bipartitico turco AKP-MHP accusa pesantemente il PYD di collaborazionismo col terrorismo, mentre invece in Rojava tutti i partiti politici sono legali e non c’è un solo prigioniero politico (quanti ce ne sono nelle carceri turche?).
L'alleanza tra AKP-MHP accusa gravemente anche il YPG di combattere assieme a Daesh (!) mentre lo stato Turco ha evidentemente sempre sostenuto Daesh contro il YPG. Le accuse turche sono posticce e mostrano l’intento reale delle loro accuse: prevenire che nasca qualsiasi forma di democrazia per i popoli della Siria, distruggendo ogni forma di autonomia e indipendenza per il popolo curdo e controllando la regione attraverso le bande reazionarie che sponsorizzano.
YPG continuerà a lottare per la rivoluzione nella difesa di TUTTI i suoi nemici. Questo è il motivo per cui alcuni dei nostri compagni si sono recati nella regione di Afrin per fermare l’aggressione turca, mentre gli altri decidono di continuare la lotta contro Daesh sul fronte meridionale. Erdogan ha commesso un terribile errore: la Resistenza delle brigate YPG/YPJ continuerà fino a quando non ci sarà più un soldato turco sul suolo siriano. Sarà il loro Vietnam: Afrin sarà la tomba del regime turco governato da AKP-MHP. Non passeranno!

Nessun commento:

Posta un commento